Focaccia (o ciaccia) con l'uva fragola



Mi ricordo quando io e i miei fratelli passavamo la domenica con i cuginetti in campagna dai nonni.
Dei giochi e dei piccoli bisticci. Dell'orto dove andavo a prendere i pomodori che poi pulivo dalla terra strusciandoli sui pantaloni e li mangiavo a morsi.
Mi ricordo l'odore dei piatti cucinati da mia nonna. Mi ricordo che di nascosto ci dava un pezzettino di pane imbevuto del suo buonissimo sugo col pomodoro fresco con la promessa di non dirlo ai nostri genitori.
Mi ricordo delle scorpacciate di ciliegie, uva, nespole, mele, fichi... arrampicati sugli alberi e dell'aiuto che davamo a raccogliere le olive.
Mi ricordo dei giochi fatti con i cuginetti, dal classico "lupo mangia frutta" ai più strani e originali come creare profumi schiacciando i fiori del giardino in un bicchiere con acqua (povera nonna!!) e far finta di essere streghe e maghi leggendo dei libri in latino. Mi viene da ridere, ora!
Mi sembra passata un'eternità da quei giorni, eppure il ricordo è ancora vivo.
La scorsa domenica sono andata a trovare nonna e l'ho aiutata, insieme a Penghi, a cogliere un po' di frutta autunnale.

Facendo un giretto per il frutteto ho visto i cachi ormai maturi e succosi, l'albero del melograno stracolmo (ma bisogna pazientare ancora un po')...e l'uva fragola pronta. Aspetta solo me. Sembra quasi chiamarmi. Si perché l'uva fragola io la adoro. Amo il suo profumo e la sua consistenza...e questo amore sembra ricambiato: è lì, matura e succosa, che non aspetta altro che essere raccolta.
La ricetta della focaccia con uva fragola non fa parte dei miei ricordi di bambina, ma racchiude comunque tutti i profumi e le sensazioni della mia infanzia. L'odore di lievito che si sentiva quando nonna preparava la pizza nel forno a legna. L'odore dell'uva che cuoce, dolce e leggermente pungente come quello delle marmellate fatte in casa.  E le "mani in pasta". Sentire le mani affondate in acqua e farina...


E' una ricetta tipica toscana. Non ho seguito una ricetta in particolare e sono andata un po' ad occhio in base a quello che mi aveva detto tempo fa una vicina di casa. Il sapore è delizioso, l'impasto è dolce ma non troppo e l'uva che si è cotta da un sapore eccezionale. L'unico difetto è che avrei dovuto spingere i chicchi d'uva leggermente più in profondità, e perché no, magari farla "ripiena". La prossima volta rimedierò...

Ingredienti:

  • 500 g di farina 00 per focacce Molino Chiavazza
  • 1 cubetto di lievito di birra
  • acqua tiepida q.b.
  • 60 g di zucchero
  • uva fragola (in base ai gusti) io ho usato 4 grappoli
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 4 cucchiai di olio extravergine d'oliva

Sciogliere il lievito in un po' di acqua tiepida e un cucchiaino di zucchero. Mescolare bene e lasciar riposare per qualche minuto.
Mettere la farina in una ciotola e aggiungere il composto di lievito.
Mescolare aggiungendo poco alla volta l'acqua tiepida, 2 cucchiai d'olio e il sale, fino ad ottenere un impasto morbido, elastico ed omogeneo. Coprire con un panno umido e lasciar lievitare per almeno un'ora.
Quando l'impasto ha raggiunto il doppio del volume iniziale,lavorarla nuovamente con lo zucchero e i due cucchiai di olio rimasti.
Stendere l'impasto dello spessore di circa 1,5 cm su una teglia e spennellarlo con un po' d'olio. Lavare l'uva, spiluccarla e adagiarla con una leggera pressione sull'impasto.


Far lievitare per un'altra mezz'oretta, cospargere di zucchero e cuocere in forno già caldo a 180°C per una cinquantina di minuti. Verrà dorata e croccante all'esterno e morbidissima all'interno, una goduria!




23 Forchette :

  1. Mi piace più di testa che di fatto: da bambino mi frustrava che avesse quell'odore divino ma un sapore tutto sommato deludente rispetto alle aspettative (in Toscana si fa con l'uva fragola quando c'è, di solito si usa uva da vino anonima) e tutti quei vinaccioli; ma l'effetto Madeleine proustiana che mi fa è micidiale. Saranno trent'anni che non ne mangio. E, col senno di poi, e avendo nel frattempo imparato ad apprezzare l'abbinamento formaggi-frutta, penso che con del pecorino avrebbe tutto un suo perché.

    Ah, nota il nuovo URL. Vieni a trovarmi! :-)

    RispondiElimina
  2. Mi piacciono i tuoi ricordi, assomogliano molto ai miei, Deliziosa questa focaccia con l'uva fragola.
    Buon we Daniela.

    RispondiElimina
  3. E quando avevamo finito di raccogliere la frutta...tutti sul montacarichi di nonno!
    Io rimanevo puntualmente a piedi.
    Che bello sapa, domani provo a farla anche io, provo a sostituire l'uva fragola con l'uva maiorchina, chissá cosa ne esce.

    RispondiElimina
  4. Ottima, ottima la devo ancora fare quest'anno, che voglia!!!!! Un abbraccio Saparunda e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  5. Buona e bella!
    Bravissima!
    Un bacio!

    RispondiElimina
  6. Favolosa questa focaccia. Mi riprometto di farla tutti gli anni e puntualmente mi dimentico. Con l'uva fragola poi ha una gran bella marica in più. Un bacio, buona domenica

    RispondiElimina
  7. non l'ho mai mangiata, peccato mi sono persa una cosa di sicuro buonissima! buona settimana....

    RispondiElimina
  8. Io ho la fortuna di poter ancora andare nell'orto a mangiare i pomodori freschi. Impagabile.
    Bella la ricetta.

    Baci e buon inizio di settimana!

    RispondiElimina
  9. deve avere un ottimo sapore questa focaccia con l'uva fragola!!!
    mi piacerebbe assaggiarla... o forse mi basterebbe seguire la tua ricetta ;-)

    la serie tv Terra Nova la fanno il martedì alle 21 su Fox ^__^

    buon inizio settimana ^______^

    RispondiElimina
  10. belli i week in campagna fanno bene ai polmoni!e alla pancia ci sono tante cose buone...complimenti per la focacciona golosa

    RispondiElimina
  11. @Bostoniano: Io ho preferito utilizzare l'uva fragola proprio perché più dolce e "aromatica" rispetto a quella da tavola. Comunque i vinaccioli "cotti" sono scrocchiarelli e perdono in sapore leggermente tannico...almeno quelli dell'uva fragola!
    Il pecorino è una buona idea, anzi ottima...

    @Daniela: penso che i ricordi "in campagna" siano i più belli!

    @Salvietta: ahahahahah! Però nonno si arrabbiava sempre...il montacarichi era solo per la frutta! :D ahahahah! In genere si fa con tutti i tipi d'uva, quindi la mallorquina dovrebbe andare bene!

    speedy70: io ho sempre voluto farla...e mi sono decisa solo quest'anno! :P

    @Mirty Quibibes: Grazie! :)

    @Federica: Lo penso anche io, l'una fragola da quel sapore e quell'aroma in più che rendo notutto "più buono"! :)

    @Chiara: Si, io ora che l'ho scoperta non la mollo più!

    @Kylie: In teoria anche io, mio padre ha ancora l'orto vicino casa, e quando vado a trovarlo qualche mangiata ci scappa sempre. Però ormai abito in un'altra città, e non ho un giardino per farmi un orticello...forse mi inventerò qualcosa sul balconcino. Avere un orticello è il mio sogno!!

    @Pupottina: Misà che mi tocca vederlo in streaming! :P

    @carpe diem: Hai ragione! Grazie! :)

    RispondiElimina
  12. ma è salata?? è l'impasto di una focaccia salata con chicchi di uva fragola.. interessante questo abbinamento, mai mangiata!

    RispondiElimina
  13. Diciamo che è dolce poco dolce, per via dello zucchero in più rispetto a un impasto salato tradizionale e soprattutto se si utilizza l'uva fragola al posto di quella da tavola.
    Quindi diminuendo lo zucchero, utilizzando uva diversa e con una spolverata di pecorino (come consigliava sopra Bostoniano) sarebbe un aperitivo originale! :)

    RispondiElimina
  14. Ciao, non l'ho mai mangiata ma siccome anche a me piace tantissimo l'uva fragola, con quel suo sapore particolare, sono sicura sia una bontà!!!
    Baci

    RispondiElimina
  15. ....Mi sono appena iscritta tra i tuoi sostenitori....e mi piacerebbe tu passassi a trovarmi....questa focaccia è strepitosa......ne mangerei volentieri una strisciolina anche per colazione...buona giornata e a presto....stefyh

    RispondiElimina
  16. La penso deliziosa con l'uva fragola, ciao una felice giornata

    RispondiElimina
  17. e che aperitivo!fantastico direi!che bei ricordi!

    p.s. non riesco a visualizzare il banner sostenitori per unirmi mi dispiace..ripasso

    RispondiElimina
  18. @LAURA: Si, è veramente una delizia!

    @stefy: Ciao e benvenuta nel mio blog!! Passo subito da te... :)

    @Stefania: L'uva fragola dà quella dolcezza in più che la rende "unica"! Benvenuta anche a te nel mio blog!

    @Le Ricette di Tina: Ciao! Tranquilla per il banner dei lettori, ogni tanto scompare...penso che abbia vita propria! :P

    RispondiElimina
  19. Foto bellissime per un piatto che secondo me, e il mio palato, è meraviglioso *_*

    Prima di salutarti, desideravo invitarti al mio contest di Natale, ben sei sono i premi messi in palio dallo sponsor: http://pecorelladimarzapane.blogspot.com/2011/10/strenne-di-natale-tu-cucini-scelte-di.html

    Tiziana

    RispondiElimina
  20. ehilà vecchia coinquilina!!!quest'anno sono passata da coinquilina di una chef a coinquilina di una tipa che non sa cosa sia una pentola T.T mi mancano gli odori delle tue pietanzeeeee!!! cmq è un piacere leggere i tuoi link =))) prendo qualche spunto per cucinare qualcosa al mio orso...baci baci :)))

    RispondiElimina
  21. ahahahha infatti..nemmeno ora lo vedo..ma nn mollo :) un bacione

    RispondiElimina
  22. Ciao
    Tanti complimenti per il tuo blog! Le tue ricette sono veramente molto interessanti.Questa focaccia poi è vermante Super:Se ti fa piacere passa a farmi visita http://my-cooking-idea.blogspot.com/
    Cristy

    RispondiElimina
  23. @Pecorella di Marzapane e Cristina: grazie!! Passo subito da voi...

    @Piccola: ahahah! da un eccesso all'altro! Ora ti tocca fare da maestra! :)

    RispondiElimina

Stampa Ricetta

 

Informativa cookie

Partecipo a LSDM