Papassini . . . e la storia di una vecchina brutta ma molto buona


C'era una volta un piccolo paesino multietnico chiamato Chissadove
Gli abitanti di Chissadove non parlavano tra di loro, lingue e culture diverse erano un ostacolo insormontabile, non provavano nemmeno a capirsi e ormai vivevano divisi per quartieri "culturali". 
I bambini giocavano tutti insieme di nascosto. Loro non avevano problemi di comprensione, il linguaggio del gioco è universale, l'unica cosa che non comprendevano era come mai i loro genitori e i loro nonni non riuscissero a comunicare.
Poco distante da Chissadove  viveva un'anziana signora brutta e arcigna ma con un grande cuore. Si sentiva molto sola perché nessuno mai andava a trovarla. Gli adulti dicevano "Perché mai dovrei uscire di casa per andare a trovare quella vecchia con chissà quale strana credenza!". E incutevano paura ai loro figli dicendo che fosse una strega cattiva.
Durante una fredda giornata invernale, alcuni bambini, per scommessa, decisero di sfidare il più piccolino di loro ad entrare nel giardino della signora scavalcando l'alto muro. Il piccolino accettò. 
Una volta dentro si accorse che la signora lo stava guardando da una finestra, piangendo. Si fece ancora più coraggioso e bussò alla porta. La signora aprì e lo fece entrare. Andarono in cucina e il bambino, con grande sorpresa, vide che era piena di biscotti appena sfornati, frutta secca e caramelle. Chiese alla vecchina il perché del suo pianto, e lei rispose che era molto triste perché mai nessuno veniva a trovarla, ma con il cuore pieno di speranza, preparava comunque ogni giorno biscotti e dolcetti da offrire a chiunque sarebbe passato.
Il bambino le promise che sarebbe passato ogni giorno e che avrebbe convinto anche i suoi amichetti a fare lo stesso, a patto che lei avrebbe smesso di piangere per sempre. 
Fu così che la vecchina ricevette mille visite al giorno. Accoglieva i suoi piccoli ospiti con un grande sorriso, serviva i suoi deliziosi manicaretti e li lasciava giocare nel suo meraviglioso giardino.
Un brutto giorno però morì, e tutti bambini di Chissadove sprofondarono nella tristezza, non giocavano più tra di loro, non ridevano, non mangiavano...
I genitori, non sapendo più cosa fare si riunirono nella piazza centrale di Chissadove. Nel caos iniziale di lingue parlate, di pianti, urla e schiamazzi, piano piano iniziarono a comprendersi. Il problema era comune, e solo insieme avrebbero potuto risolverlo. 
Nel momento stesso in cui capirono che diverso non fa rima con cattivo ecco che apparì la brutta vecchina che tanto odiavano, la quale promise loro che i loro figli sarebbero guariti e che ogni anno, quello stesso giorno, avrebbe portato biscotti, dolci e caramelle a tutti i bambini...
Così fu. E i genitori, per ringraziare quella vecchina tanto brutta quanto generosa, ogni anno la mattina del 6 gennaio, lasciano accanto alle calze in attesa delle delizie della Befana, qualche dolcetto preparato insieme ai loro bambini, e una letterina con i buoni propositi per l'anno nuovo...

Cara Befana, 
per quest'anno ti prometto che sarò più buona. Certo, lo prometto ogni anno, ma non c'è un limite alla bontà, no? E in alcuni momenti essere buoni è difficile..
Prometto che mi impegnerò ancora di più nello studio, e che entro la fine dell'anno sarò laureata e specializzata. Non solo per me stessa, ma soprattutto per i miei genitori che hanno fatto enormi sacrifici per aiutarmi negli studi. 
Prometto che andrò finalmente dal medico a farmi l'impegnativa per quella famosa visita e che inizierò seriamente a fare un po' di attività fisica. 
Ne ho anche altri, avevo fatto una lista ma l'ho persa (ecco, nel 2012 vorrei essere un po' meno sbadata!) appena la ritrovo te la farò avere! 
Ti lascio questi biscotti sardi. La ricetta è di nonnaB, sai quanto ci tiene, quindi ho effettuato qualche piccola modifica, ma non preoccuparti, il sapore è uguale all' "originale".
P.S. Un ultimo proposito, e forse il più importante: prometto che riuscirò a mantenere tutti i miei propositi!! Almeno i tre che ho scritto...

Auguri a tutti di Buon anno! E a tutte per la Befana! :)



Ingredienti:
per i biscotti:
  • 500 g di farina "00" Antigrumi Molino Chiavazza
  • 4 uova
  • 150 g di burro (o strutto)
  • 150 g di zucchero
  • 200 g di noci
  • 200 g di uva sultanina
  • la scorza grattugiata di una arancia e di un limone
  • 1 bustina di lievito
  • un tuorlo d'uovo
per la decorazione con la glassa:
  • circa 100 g di zucchero a velo 
  • un albume
  • diavolini

Formare una fontana con la farina e unire le uova, lo zucchero, il burro, il lievito e le scorze di limone e arancia. Mescolare bene fino a formare un panetto morbido e omogeneo.
Tritare le noci grossolanamente e aggiungerle al panetto insieme all'uvetta ammorbidita con acqua tiepida con un goccio di rum.
Senza far riposare l'impasto, dividerlo in quattro parti. Prenderne una e formare un serpentone, appiattirlo un po' e dividerlo in tanti rombi.
Spennellare la superficie con il tuorlo d'uovo sbattuto e decorare con i diavolini. Cuocere in forno già caldo a 160 °C  fino a quando non risultano dorati.

Se si vuole decorare con la glassa, prepararla sciogliendo a bagnomaria lo zucchero a velo con l'albume fino a raggiungere la giusta consistenza e un bel colore bianco. Una volta sfornati i papassini spalmare la glassa, aggiungere i diavolini e lasciar asciugare.




17 Forchette :

  1. Molto bello il racconto, davvero sfiziosi i biscotti. Un abbraccio, buon 2012 , Daniela

    RispondiElimina
  2. Auguri auguri Roamna fuori sede anche a te. Che bella storia...Buon anno anche a te! mony

    RispondiElimina
  3. Ciao i tuoi dolcetti sono davvero golosi e la tua storia molto bella. ciao

    RispondiElimina
  4. fantastica hiihhihi..ottimi i biscottini..buon anno tantissimi auguri!!

    RispondiElimina
  5. Dolcissimo post, bellissima storia, deliziosi biscotti, complimenti e tanti auguri per uno strepitoso 2012!!!

    RispondiElimina
  6. Ciao cara, ti faccio tanti tanti tanti auguri! Un bacio Smack

    RispondiElimina
  7. Ciao! quanto ci piacciono le storie!!! e la letterina..è ancora meglio! soprattutto perchè..finalmente alla befana!!!
    sembrano proprio buoni i tuoi biscotti: morbidi e gustosi! perfetti per le colazioni festive!
    un bacione e tantissimi auguri di buon anno!

    RispondiElimina
  8. ciao Saparunda
    grazie per gli auguri

    BUON 2012 anche a te !!!

    RispondiElimina
  9. Muy hermoso este relato, aunque se me han perdido palabras sin poder traducir (has quitado el traductor?).
    ME GUSTAN TUS RECETAS!!!!. TE DESEO SUERTE A TU PARTICIPACION EN ESTOS CONCURSOS. ABRAZOS
    AAAAAHHHH.TIENES LA RECETA DE PANETTONE?. ME GUSTARIA HACER UNO CASERO.

    RispondiElimina
  10. Ci sarebbe tanto da meditare su questo racconto! Grazie per avercelo regalato, come anche la ricetta di questi deliziosi biscotti. Le nonne si sa, non falliscono un colpo :) Tantissimi auguri per un meravigioso 2012, un bacione

    RispondiElimina
  11. Buon anno nuovo cara! Un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Augurandoti un felice e prospero 2012, ti invito nel mio blog per dire la tua scegliendo i migliori film e attori del 2011.

    I MIGLIORI FILM 2011

    RispondiElimina
  13. Grazie a tutte!!! E Felice anno nuovo! Spero vi porti tutto ciò che più desideriate, ma soprattutto tanta serenità!

    Vi abbraccio tutte!

    RispondiElimina
  14. propositi ottimi ma vediamo se tu e noi tutte ne riusciamo a mantenere e fare almeno uno siamo sempre sopraffatte da troppe cose.intanto mi gusto questi biscotti

    RispondiElimina
  15. Adorabile il racconto e ottimi i dolcetti :)
    Buon 2012, un bacione

    RispondiElimina
  16. Ciao!Sono una nuova follower!Se ti va, vieni dal mio blog per scoprire la cucina greca!Felice l'anno nuovo,carina!Un bacione forte da Grecia!

    RispondiElimina

Stampa Ricetta

 

Informativa cookie

Ho partecipato a LSDM

Ho partecipato a LSDM
2016