Stufato di manzo con senape di Digione e funghi...e purè della nonna


Sono passati tanti anni, eppure penso sempre a te, soprattutto in questo periodo. 
Penso a te e alle canzoncine che mi insegnavi, compresa "Mamma! Mormora la bambina..." che mi faceva sempre venire le lacrime agli occhi. Alle coperte di lana che mi facevi davanti al camino acceso. Pensavo fossi magica perché riuscivi a intrecciare ed annodare i fili senza nemmeno guardare.
Ricordo i tuoi capelli argentati, quasi azzurri, che raccoglievi in treccine e poi in una cipolla. Ricordo la tua voce, il tuo sorriso sdentato e io che ti chiedevo sempre come mai non ti facessi "aggiustare i denti da papà".
Guardavamo spesso vecchie foto in bianco e nero. Poche a dir la verità, ma piene di ricordi della tua giovinezza.
Ricordo l'odore del tuo buonissimo sughetto, della tua specie di frittata fatta con patate lesse e pancetta, del tuo purè...e proprio "cimentandomi" con quest'ultimo piatto ho iniziato, anni fa, ad appassionarmi alla cucina.
Un purè fatto esclusivamente con patate. Il purè degli ammalati come lo abbiamo soprannominato noi in famiglia, ma buonissimo. Cremoso, saporito, dal sapore semplice, velocissimo da preparare e che si adatta ad accompagnare qualsiasi piatto.

Grazie, nonna. Mi manchi ancora tanto!

Stufato di manzo con senape di Digione e funghi

Ingredienti per 2 persone:
  • 500 g di polpa di manzo tagliata a tocchi
  • 6 funghi champignon
  • 1 cipolla dorata
  • 2 cucchiai si senape di Digione
  • 1/2 bicchiere di passata di pomodoro
  • 1/2 bicchiere di vino rosso 
  • coriandolo q.b
  • cumino q.b
  • 1 foglia di alloro
  • 1 foglia di salvia
  • 1 rametto di rosmarino
  • 1 spicchio d'aglio
  • brodo vegetale (io l'ho preparato con sedano, carota, cipolla, finocchio e 3 semi di garofano)
  • sale q.b
  • olio extravergine d'oliva
  • farina q.b. (o maizena, per celiaci) 

      Per il purè:

  • 4 patate medie
  • 1 spicchio d'aglio
  • 1 foglia di alloro
  • sale grosso q.b



Tritare la cipolla molto finemente. Pulire i funghi con un pennellino, sciacquarli e tagliarli a listarelle. Far riscaldare l'olio in una padella e far imbiondire la cipolla con lo spicchio d'aglio. Aggiungere i funghi, salare e lasciar cuocere per una decina di minuti coperto. Nel frattempo infarinare i pezzi di manzo.
Scolare i funghi e la cipolla mantenendo un po' dell'acqua di cottura dove si aggiunge un goccio d'olio extravergine e la carne a rosolare.
Quando risulta ben dorata, salare e aggiungere il vino rosso, gli aromi (salvia, rosmarino, alloro) e le spezie (coriandolo e cumino). Lasciar evaporare l'alcol e aggiungere la senape e la passata di pomodoro. Lasciar insaporire e aggiungere i funghi e qualche mestolo di brodo fino a coprire la carne.
Lasciar cuocere a fuoco basso e con coperchio per almeno un'ora e mezza (più la carne diventa tenera e più lo spezzatino è buono). Aggiungere altro brodo se si dovesse asciugare troppo.

Lo si può preparare anche con la pentola a pressione, facendo cuocere il tutto (dopo aver fatto insaporire la carne e aggiunto il brodo) per circa 40minuti dal fischio.

Per il purè: sbucciare le patate e tagliarle a fettine sottili. Metterle in una pentola e coprirle con acqua (proprio a livello delle patate). Salare con il sale grosso, aggiungere la foglia di alloro, lo spicchio d'aglio e lasciar cuocere fino a quando le patate non iniziano a sfaldarsi. Mescolare fino a "romperle" tutte e a far evaporare la maggior parte dell'acqua. Spegnere il fuoco e passare al minipimer per avere una consistenza più "vellutata" (ma non liquida!).
Lasciar riposare qualche minuto e servire.


Con questa ricetta partecipo (finalmente ci sono riuscita!) al contest di Eleonora di Burro e Miele
Un contest speciale e particolare: il giudice sarà Gualtiero Villa e lo sponsor è Teatro7, una meravigliosa scuola di cucina d'eccellenza.




25 Forchette :

  1. Anche se quello che mi piaceva di piú di nonna era il pane con la fettina di pancetta rosolata...Non sono mai riuscita a replicarne il sapore.
    E poi era il panino dell'arrivederci: ti ricordi i viaggi di ritorno alla capitale masticando e smollicando tutta la macchina di papá?

    RispondiElimina
  2. ciao Saparunda!
    che ricetta gustosa!
    fa venire l'acquolina a quest'ora ;-)

    RispondiElimina
  3. bella ricetta, ti ringrazio e ti dico in bocca al lupo!
    bacioni!

    RispondiElimina
  4. che bella e commovente dedica...che dire dello stufato..è sublime complimenti!un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Anche a me manca tanto la mia nonna, nonostante siano passati più di 30 anni da quando non c'è più! ma la ricorderò sempre anche lei con la treccia di capelli brizzolati raccolta dietro in una cipolla. E' molto bella la dedica che le hai fatto, sarebbe fiera di te. Un bacione

    RispondiElimina
  6. fantastiche le nonne...mi sembra molto cremoso questo spezzatino brava

    RispondiElimina
  7. Che post dolcissimo.
    Grazie per aver condiviso con noi questa ricetta dei tuoi ricordi.

    RispondiElimina
  8. Incroyablement alléchant;) xxx

    RispondiElimina
  9. Ciao Sapa! Purtroppo ho appena superato il limite fisiologico degli 80 chili per la prima volta in vita mia e mi sono messo a minestrone, se no sperimentavo al volo. Mi sa di ottima anche senza pomodoro e magari usando il vitello. Comunque, è buffo come il purè e le mashed potatoes abbiano filosofie proprio differenti: un americano che sa quel che fa non userebbe mai il minipimer per le mashed potatoes per evitare di gelificare l'amido, che viceversa è proprio quello che rende godurioso il purè (comunque, io faccio un purè tremendo, quindi mettiamo da parte l'argomento)

    RispondiElimina
  10. che bel post pieno d'AMORE x tua nonna che sicuramente sara' orgoliosa della donna che sei diventat e dei ricordi che ti porti nel cuore!!! ottima ricetta anch'io lo faccio cosi'...bacio!!!!!!!! ^-^

    RispondiElimina
  11. buonissimo lo stufato! guarda che spesso e volentieri lo faccio anche io il purè dei "malati" :) mi piace anche così..ciaoo

    RispondiElimina
  12. @Salvietta: è vero!! Come della "frittata" di patate lesse con la pancetta rosolata, solo Penghi riesce a farla esattamente uguale!

    @Pupottina: Grazie! :)

    @Eleonora: Grazie a te! Crepi!!

    @Le Ricette di Tina: Grazie mille, un abbraccio!

    @Federica: Le nonne sono uniche, ed alcune speciali...dimenticarle è impossibile!!

    @carpe diem: Grazie! :)

    @Natalia: Di niente, cara...grazie a te per essere passata!

    @Lexibule: Merci beaucoup! :)

    @SBBoston: beh dai, in ogni dieta che si rispetti un giorno libero c'è! :)
    Per il purè io in genere decido l'utilizzo o meno del minipimer sul momento. Anche perché questa ricetta era di nonna, e prima il minipimer non esisteva! continuando a mescolare e a sfaldare le patate alla fine viene cremoso uguale (ma non vellutato!!).
    Come fa a venirti tremendo il purè? Prova questo mio, è "dietetico" dato che sono solo patate! :)

    @Monia: grazie, Monia!

    @vickyart: Io quasi quasi preferisco quello dei "malati" al purè classico...ha il sapore dei piatti poveri di un tempo... :)

    RispondiElimina
  13. @Ciao! Grazie della visitae piacere di conoscerti. Grazie anche per averci fatto conoscer la tua nonna e le origini della tua passione! :-)
    A presto

    RispondiElimina
  14. Una ricetta ricca di sapore e di ricordi, molto bella la dedica alla nonna.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  15. Mi sono commossa!Sei molto carina!Che bella ricettina!Un bacio!

    RispondiElimina
  16. Sospetto che la tremenditudine sia dovuta a qualche malaccorta scorciatoia, tipo non scaldare il latte prima di aggiungerlo. E al fatto che comunque il purè non mi piace abbastanza da ripagarmi della fatica di farlo, mentre altri modi di fare le patate sì (arrosto in primis)

    RispondiElimina
  17. Ciao! piacere di conoscerti! grazie per esserti unita al mio blog!!

    Il tuo blog ha un sacco di ricette interessanti! adesso ci faccio un giretto, a presto!

    RispondiElimina
  18. Bellissimo il pensiero per la nonna.

    Buona giornata cara!

    RispondiElimina
  19. @pennaeforchetta: Ciao! Benvenuta! :)

    @Daniela: Grazie mille!

    @Lenia: Grazie!

    @SBBoston: Le patate arrosto sono in assoluto le più buone!!

    @breakfast at lizzy's: Grazie a te per essere passata... :)

    @Kylie: Grazie mille, cara! Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  20. mamma che piatto da acquolina!

    RispondiElimina
  21. che meraviglia di piatto, un abbraccio...

    RispondiElimina
  22. @Aria e Chiara: Grazie mille a entrambe! Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  23. I ricordi delle Nonne... quanto mi hai toccato il cuore.

    Ricetta buonissima.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  24. Bellissima ricetta, davvero gradita...ciao.

    RispondiElimina
  25. @Stefano: Grazie e benvenuto!

    @Max: Grazie, Max! A presto! :)

    RispondiElimina

Stampa Ricetta

 

Anno Giubilare 2015-2016

Anno Giubilare 2015-2016
50 e non sentirle...

Informativa cookie

Ho partecipato a LSDM

Ho partecipato a LSDM
2016