Cheesecake salata con salmone e asparagi e salsa ai mirtilli

Salmon cheesecake


Carissimi Annalù e Fabio...
Ma daiii! Come sei antiquata!
Ciao!
Sì vabbè... che stamo pe strada?
Cof cof...  
E ora? Te strozzi pure?
Mi stava andando di traverso il cheesecake, sai...mangiare mentre si scrive al computer con la vista sulla cucina in cui sembra essere scoppiata una bomba non è l'ideale. Comunque, aiutami... devo scrivere ai terzi giudici di questo mese dell' MTC e non so da dove iniziare.
E da me che voi? Io so romana de Roma mica Goethe. 
E adesso Goethe da dove l'hai ricacciato?
Non ricordi? Lo abbiamo studiato a scuola. Certo che nun te ricordi popo niente se nun ce sto io!
Non è che non lo ricordo... è che... vabbè, lasciamo stare. Dimmi la prima cosa che ti viene in mente, magari riesco a prendere qualche spunto.
Roma Roma Romaaaa coooore de sta ciiittàààà! Unico grande amoooooreee...
Ma nooo! Così col cavolo che Fabio mi fa vincere legge la ricetta...ma che non lo sai che è Juventino?
ahahahahah nuooo! Ma cosa mi dici mai?? ahahahahhahhaha
ahahhaahhahaha
ahahahhahaha
scusa, non riesco a smettere di ridere...
Mi stai rovinando, sappilo. Non lo sai che godo di una certa reputazione all'MTChallenge?
Ma chi? Tu? Già che te chiami Saparunda... cioè, sto nome è tutto 'n programma!
A me piace. Certo, non rende il blog figherrimo ma stica, vojo dì mica cerco de diventà famosa!
Lo sapevooo! Ma lo vedi che dentro di te sei popo Romana! Io lo faccio apposta a fatte incazzà che così quer tesoro de romana esce!
Un tesoro proprio... Ora però basta! Vattene che io devo parlare con  Annalù e Fabio di cose serie.
Tu? Cose serie? E che c'avresti de tanto serio da raccontà?
Fatti miei.
Dimentichi che io faccio la gnorri a non sapere. Io sono te, tu sei me. Dai, mica puoi stare lì a raccontaje che in realtà questo cheesecake era destrutturato... che anche se fuori gara un piatto volevi farlo così e solo all'ultimo, mentre fotografavi ti sei resa conto di non aver impiattato come volevi. Cioè... ma a chi je frega?? 
Ma la smetti di mettermi in cattiva luce con i miei amici?
E vuoi dirgli anche che avevi pensato ad una versione dolce con i biscotti al cocco e liquirizia? Che questa versione era in stecco gelato? Ma dai, nun fà 'a ridicola, te prego!
Ma mi fai parlare?
E perché non gli dici anche che nella fretta hai ammollato gli ultimi fogli di gelatina in acqua calda e ti sei ritrovata una ciotola col fondo gelatinoso? Guarda, posso esse sincera? Lassa perde, scrivi la ricetta direttamente che è mejo.
E' quello che vorrei fare se la smetti di parlare.
Ok ok...dai, inizia...


blueberry cheesecake with salmon
La mini fetta


Fabio, Annalù...scusatemi. Volevo scrivervi un post di lecchinaggio ma...

Roma Roma Romaaaa coooore de sta ciiittàààà! Unico grande amoooooreee...

E VA BENEEE! La smetto...scrivo la ricetta.
Fabio, perdonala :)

Cheesecake salato con salmone e asparagi e salsa ai mirtilli 

Cheesecake salata con asparagi e salmone

Ingredienti per 4 monoporzioni:

Per la base:


  • 120 g di pane di segale croccante
  • 60 g di burro
  • 2 cucchiaini di semi di finocchio

Fate sciogliere in un pentolino il burro.
Spezzettate le fette di pane croccante a mano e mettetele nel frullatore. Aggiungete anche i semi di finocchio. Frullate il tutto.
Versate il contenuto in una ciotola e piano piano versateci il burro sciolto ma non bollente. Mescolate bene, in modo da "inumidire" la farina ottenuta.
Disponete su un vassoio che possa entrare nel frigorifero un foglio di carta da forno. Adagiatevi 4 anelli di alluminio di 8 (max 10) cm di diametro e foderateli con una striscia di acetato.
Versate 3 cucchiaiate di composto per ogni stampino. Livellate bene e riporre in frigorifero.


Per il ripieno al salmone:

  • 250 g di formaggio spalmabile
  • 60 g di salmone affumicato norvegese*
  • 5 g di  colla di pesce
  • 30 ml di latte intero

Mettete in ammollo la gelatina in acqua fredda.
Mettete nel frullatore il formaggio e il salmone. Azionate e frullate fino a quando tutto il salmone non è perfettamente amalgamato con il formaggio.
Riscaldate in un pentolino il latte, strizzate la gelatina e unitela al latte facendola sciogliere per bene.
Spegnete il fuoco e lasciate raffreddare un poco. Aggiungete poi al composto di formaggio e salmone e mescolate per bene.
Riprendete gli stampini dal frigo e versatevi il composto. Livellate bene e riponete in frigo.

*consiglio di non aumentare le dosi. Nella mia prima versione ne avevo messi 100 g. Buono ma sapeva troppo di salmone: il suo gusto prevaricava sugli asparagi. Con 60 g i sapori si distinguono e si sposano tra loro.

Per il ripieno di asparagi:

  • 200 g di formaggio spalmabile
  • 160 g di asparagi al netto degli scarti
  • 1 cipollotto fresco
  • 10 g di gelatina
  • olio extravergine di oliva 
  • 40 ml di latte
  • sale e pepe
  • qualce foglia di menta fresca

Mettete la gelatina in una ciotola con acqua fredda.
In una padella fate scaldare l'olio e rosolare il cipollotto tagliato a rondelle sottili. Aggiungete gli asparagi tagliati anch'essi a rondelle (lasciando le punte da parte) e la menta. Fate cuocere per 10-15 minuti circa. Insaporite con sale e pepe.
Frullate insieme gli asparagi ancora caldi con il formaggio.
Riscaldate il latte e scioglierci la gelatina. Aggiungete al composto di formaggio e asparagi e mescolate bene.
Riprendete gli stampini dal frigo, versate il composto e livellate bene.
Riponete il tutto nel frigo e fate riposare per almeno due ore.


Per la salsa ai mirtilli:

  • 125 g di mirtilli
  • 1 cucchiaio di aceto balsamico
  • 1 cipollotto fresco
  • 1 spicchio d'aglio
  • 1 rametto di timo
  • qualche fogia di menta fresca
  • cannella
  • olio extravergine
  • acqua 
  • pepe bianco 

Scaldate l'olio in un padellino e rosolate il cipollotto tagliato a rondelle sottili e lo spicchio d'aglio schiacciato.
Aggiungete i mirtilli (lasciandone qualcuno per la decorazione) e fate insaporire. Pepate. Aggiungete la menta e il timo.
Versate il cucchiaio di aceto e circa 50 ml di acqua. Spolverizzate con la cannella. Fate cuocere per 2 minuti circa e poi schiacciate con la forchetta i  mirtilli. Fate addensare la salsa per qualche minuto poi spegnete il fuoco.

Per gli asparagi fritti:

  • 16 punte di asparagi
  • farina 00
  • acqua frizzante ghiacciata
  • olio per friggere

Mescolare l'acqua con la farina. In genere peso la farina e calcolo di conseguenza l'acqua: stesso peso della farina più qualcosa in più regolandomi ad occhio. La pastella deve risultare quasi liquida. Riporre la pastella in frigorifero perché al momento dell'utilizzo deve essere fredda.

Cacciate i cheesecake dal frigo e sformateli nel piatto da portata. 

Poco prima di servire mettete a scaldare l'olio in un pentolino. Passate le punte di asparagi nella pastella e friggeteli. Scolateli dall'olio in eccesso e inpiatteteli insieme ai cheesecake, la salsa ai mirtilli come topping, qualche mirtillo fresco, dei lamponi e delle foglie di menta per dare colore.



Con questa ricetta partecipo all'MTC di maggio


21 Forchette :

  1. Oh,mamma! Salmone e asparagi: connubio divino! Confesso, però, di non riuscire ad immaginare come ci stiano i mirtilli...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato un accostamento dell'ultimo momento perché in realtà i mirtilli erano per il cheesecake dolce che mi sono resa conto solo alla fine di non riuscire a fare.
      Io sono amante del salmone, ma mi piace accostato a sapori agrodolci e acidi e lo stesso vale per la carne di maiale. Sarà perché sento il sapore del grasso. Non fraintendermi, non demonizzo il grasso, sopratutto quello del salmone, anzi! Ma al palato se sento il suo gusto morbido e rotondo associato a qualcosa di semi dole e agro allora impazzisco di gioia. E questo accade per questo cheesecake. Dalla prima prova che ho fatto ho diminuito infatti il salmone, in modo da sentirne il sapore ma non troppo e associato una salsa ai mirtilli che è acida al punto giusto e dolce quel pizzico che basta, non ho aggiunto volutamente lo zucchero perché i mirtilli sono perfetti così come sono :)
      Se puoi provala, così ho anche un altro parere. Grazie mille, prof! :D

      Elimina
  2. Oh ma quanto mi piace!! Con quella salsa di mirtilli, poi.. la perfezione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa volta me lo dico da sola. Ho fatto veramente un accostamento azzeccato e sopratutto semplice, almeno per i miei gusti :)

      Elimina
  3. Ho riso troppo leggendo il post...sei troppo forte!!! ahahahaha
    Tornando seri, hai fatto un cheesecake salato che già mi piace, con la salsa ai mirtilli non ho mai pensato di provarlo però, mi hai dato uno spunto nuovo ;-) Grazie
    Anna Luisa
    P.S. Sempre Forza Napoli!!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dicevo più su a Mariella la salsa ai mirtilli rende il cheesecake più abbordabile al palato. Perché per quanto un formaggio possa essere magro (io odio i light e non li utilizzo mai proprio perché nutrizionista :) ) il sapore del grasso, sopratutto con il salmone, lo sento e se non è associato a qualcosa che lo stemper mi infastidisce.
      E detto da una che mangerebbe salmone a tutte le ore...

      P.S. Forza Roma! :P Ma il Napoli sempre meglio che la Juve :))

      Elimina
  4. Bella, gli ingredenti sono i miei preferiti e stanno bene insieme, la farò presto!

    RispondiElimina
  5. Ma che riso? Io non ho riso "manco pe gniente!" :-D
    E' strano quando colleghi una persona ad un territorio e poi immaginarla che invece di toscaneggiare ti si butta sul romanesco più spinto. E ti è andata anche, non dico bene, ma diciamo benino (ahahah risata malefica! XD) che nun sei interista. Lì veramente non avresti avuto alcuna possibilità :-)
    Giustamente i regolamenti vanno rispettati, ma in futuro mi piacerebbe vedere delle preparazioni destrutturate o comunque originali nella forma. Ma alla fine anche una costruzione più classica può stupire ed incuriosire.
    Si vede quando si giostrano bene gli ingredienti e si riesce ad ottenere un ottimo risultato.
    Felice che tu abbia partecipato.
    Fabio
    P.S. scusa se ho commentato solo ora, ma dopo i festeggiamenti per il campionato ci siamo concessi anche quelli per la Coppa Italia ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No! Interista pe gniente, manco negli incubi peggiori! ahahahhahahahaha

      P.S. mio marito è milanista...e ho detto tutto! :D

      Elimina
  6. Nonostante tutti questi segreti svelati, io la trovo stupenda (amo quello che non è) sembra un dolce, ma non lo è. Per me i mirtilli ci stanno benissimo perchè, in realtà, hanno sempre quella punta acre! Bravissima, baciotti e ronron Helga e Magali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, mi hai capito al volo. Prima ho spiegato in un mezzo italiano (rileggendo il commento) e non mi sono capita nemmeno io! :D
      Grazie Helga! Fai tante coccole da parte mia a Magali

      Elimina
  7. Mi ha incuriosito molto la salsa ai mirtilli! Da provare!
    Ciao

    RispondiElimina
  8. e dajeeee! Mi stanno cominciando a 'intrigare' sempre più le versioni salate.
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah allor è proprio il caso di dirlo. EDDAJE!!!

      Elimina
  9. non solo abbiamo pensato entrambe al salmone, ma anche alla base di segale! Solo che poi tu hai saputo trovare un sapore che facesse da "ponte", gli asparagi, ed io no :D e sembrava di mangiare un'accozzaglia di cose pescate a caso dal frigo: buone ma che non ci azzeccavano una cippa :D Tu cara fratella, la sai lunga :) e anche la Romana de Roma. Ma in tutto ciò... la ciammarica abbruzzese l'hai imbavagliata????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ho toppato alla prima prova. Troppo salmone.
      L'avevo anche abbinato ad una sorta di maionese al basilico e lime che ci stava bene ma non perfettamente.
      Quindi cambio di programma e aggiunta di asparagi e salsa tendente all'acido. ;)
      La ciammarica è in me... è che l'abruzzese lo parlo poco se non per niente. Lo capisco, ma parlarlo è un'altra cosa :D

      Elimina
  10. Che abbinata particolare!
    Salmone e asparagi ok salmone e mirtilli pure... mirtilli e asparagi strano!
    Insomma devo provarla, mandamene una fettina ;) faccio come san Tommaso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' strano, hai ragione. Ho pensato a salmome e mirtilli e mi sono buttata per la questione dell'acidità. Gli asparagi e mirtilli sono stati una bella scoperta :D

      Elimina
  11. Accostamento inusuale forse, ma tutto da provare. E poi il 'famolo strano' come mi piace, eheheheheh. Brava!

    RispondiElimina

Stampa Ricetta

 

Informativa cookie

Ho partecipato a LSDM

Ho partecipato a LSDM
2016