Er Quinto Quarto de 'a romana de Roma!

cannoli salati

Se non pubblico oggi, non pubblico più. Ho iniziato a lavorare e la sola frase "non avere tempo" per me è diventata un eufemismo. Mano a mano che cucinavo scrivevo la ricetta in modo da portarmi avanti. E' quasi una settimana che ho incominciato a scrivere il post, una frase al giorno in pratica. 
L'idea era quella di creare una sorta di menù sul Quinto Quarto, tema della sfida del mese dell'MTC quindi antipasto, primo, secondo e dolce. E invece...
Er secondo, cara vicina de casa, nun so' riuscita a pensarlo, e er dolce nun so' riuscita a preparalo. Ma quest'urtimo ce l'ho ne 'a capoccia, sappilo! Studiato in ogni minimo dettajio e appena ho un po' più de tempo 'o preparo.
Che poi nun è che ho avuto tutta sta fantasia. L'idea de base era parti da 'a coratella e declinarla in diverse preparazioni. 
A dirla tutta, so' anche sincera, sorè, 'a coratella manco me piaceva. 
Io so più pe 'a trippa co' li facioli, e pe 'e cervalla fritte... ma sai, tre anni fa, a Palma de Mallorca, da mi sorela, ho assaggiato er Frit Mallorquin e me s'è aperto un monno. E da quer giorno se se po' me 'a magno, ma a cucinarla...mai! Mi marito odia anche l'odore!
Quinni, pe'a tua sfida, se cucinavo a trippa, per me era troppo scontato, me capisci no? Dovevo sfidà me stessa (e mi marito) e cucinà sta benedetta coratella d'abbacchio che me so' portata dar paese fresca fresca! 
Poi mi marito, pe su sfortuna è partito pe lavoro. 
Ed io me so fatta travolge dar vortice de'a  coratella...

cannoli con mousse di coratella

E pe complicà 'e cose, er primo piatto l'ho fatto senza glutine. A 'n certo punto volevo lancià 'a pasta sur muro... ma come fanno la Forno Star, la Gaia e tutte l'artre sglutinate? Io c'ho messo na vita a fa sti benedetti ravioli! 
Però posso di che ne è varsa 'a pena...
E poi Cristià...te possino!!! Se te becco! Me so dovuta magnà tutto io! Ora artro che dieta, Pasqua, Pasquetta, er 25...er primo maggio...poi er mi compleanno....quanno sarà ora de metteme 'n costume se me vede Greenpeace se mette 'n'allerta!!
Ma tornamo a'a sfida. Stavo a dì, partenno da sta coratela, ho realizzato i Cannoli de pici piccanti co' mus de coratella e purè de fave fresche giusto pe rimanè in tema primavera e i Ravioli senza glutine a la vanija repieni de coratella a 'a romana (li carciofi ce li ho aggiunti dopo...e manco 'e mammole ho trovato sà, me dispiace!) pe rimanè in tema de Pasqua.

Aò, c'ho messo na vita a scrive er post romanesco... sarò pure romana de Roma, ma nun è che 'o parlo tanto bbbene!

Per la coratella:
  • 600-700 g circa di coratella d'abbacchio (polmoni, cuore, milza, fegato, reni)
  • 1/2 bicchiere di vermentino di Gallura
  • 3 foglie di alloro
  • finocchiella in polvere
  • olio extravergine d'oliva
  • 1 cipolla fresca di tropea
  • 1 spicchio d'aglio
Se non lo ha fatto il macellaio, pulire bene sotto acqua corrente la coratella ed eliminare il grasso dei reni. Tagliare ogni organo in cubetti abbastanza piccoli con l'accortezza di avere una ciotola per ogni organo, questo perché hanno cotture diverse e non possiamo buttare tutto insieme in padella. Riscaldare l'olio facendolo insaporire con lo spicchio d'aglio e farci appassire la cipolla. Aggiungere il polmone (si inizia dagli organi chiari e si finisce con quelli più scuri) e quando avrà cambiato colore e inizierà a "fischiare" sarà il momento di aggiungere il cuore, girare e dopo qualche minuto aggiungete la milza, girare e dopo qualche minuto i reni... continuare così fino ad aggiungere in ultimo il fegato. A questo punto sfumare con il vino ed una volta evaporato salare ed aggiungere l'alloro e la finocchiella. Portare a cottura a fuoco dolce facendo attenzione a non farla asciugare troppo e nel caso aggiungere dell'acqua calda.


Cannoli di pici piccanti con mousse di coratella
e purea di fave fresche
cannoli salati di pici mousse

Per i cannoli di pici (circa 10):
(La ricetta dei pici è di Patty, io ho dimezzato le dosi e aggiunto il pimentón)
  • 100 farina 00
  • 50 semola
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d'oliva
  • 1 cucchiaino di pimentón piccante (1/2 se tollerate poco il sapore piccante)
  • acqua qb (meno di mezzo bicchiere)
  • olio di arachide (per la frittura)
Formare sulla spianatoia la classica fontana con le farine miscelate, setacciate e ben ossigenate. Versare al centro l'olio extravergine d'oliva, il pizzico di sale, il pimentón e poco alla volta l'acqua, incorporando con la forchetta la farina.
Quando l'impasto incomincerà a stare insieme incominciare a lavorare con il palmo delle mani e se necessario aggiungere acqua o farina. L'impasto è vivo, quindi va lavorato con energia ma allo stesso tempo coccolato e massaggiato per almeno dieci minuti fino ad ottenere una pasta liscia, vellutata e abbastanza morbida.
Ricoprire con della pellicola e lasciar riposare per mezz'ora.
Passata la mezz'ora, togliere un pezzo dell'impasto (ricoprire il restante con la pellicola per evitare che si secchi) e formare una pallina. Stenderla con l'aiuto del mattarello ad uno spessore di 1 cm e con il tagliapasta tagliare delle striscioline di 1 cm di larghezza. Cominciare a filare i pici rollando la pasta con il palmo delle mani e contemporaneamente strirandola verso l'esterno. 
Mentre si picia, mettere a scaldare l'olio in una padella dai bordi alti.
Avvolgere i pici nei cilindretti per i cannoli siciliani facendo in modo che le due estremità siano sotto o comunque ben attaccate per evitare che in cottura la spirale si apra. Friggere i cannoli per circa 3-5 minuti (devono essere totalmente immersi dall'olio). Scolarli e lasciarli intiepidire. Rimarranno croccanti anche da freddi.

cannoli siciliani piccanti

Per la mousse:
  • 160 g di coratella già cotta 
  • 200 ml panna
  • brodo di pollo - poco meno di mezzo bicchiere  (serve per far sciogliere il foglio di gelatina)
  • 1 foglio gelatina
  • 2 cucchiaini whisky
  • sale
  • pepe
Far ammorbidire il foglio di gelatina in una ciotola con acqua fredda.  Frullare la coratella e passarla al setaccio. Riscaldare il brodo di pollo in un pentolino, mettere sul fuoco e portare a bollore, spegnere e scioglierci la gelatina ben strizzata. Lasciar raffreddare.
Montare la panna. In una ciotola incorporare con delicatezza la panna montata con la coratella, il whisky e il brodo freddo. Salare e pepare continuando a mescolare. Mettere la ciotola in frigo per una mezz'oretta. 

Per la purea di fave (senza dosi precise):
  • 200-300 g di fave fresche (peso indicativo) senza baccello
  • 100 g di pisellini freschi (peso indicativo) senza baccello
  • 1 cipolla fresca di tropea
  • sale
  • olio extravergine d'oliva
Eliminare l'escrescenza che ricopre la fava: se sotto il colore è chiaro vuol dire che la fava è fresca di giornata, se tende al nero le fave sono state raccolte da qualche giorno e quindi  occorre privarle del sottile strato di pelle che la circonda.
In una padella far stufare con dell'olio la cipolla. Aggiungere fave e pisellini e lasciar cuocere fino a quando non risultano entrambi teneri ma non spappolati (attenzione a non far cuocere troppo, per non rischiare di perdere il loro bellissimo colore verde). Salare una volta cotti.
Passarli nel mixer e poi al setaccio in modo da ottenere una crema omogenea.

Per la riduzione al balsamico:
  • 500 ml di aceto balsamico
  • 1 cucchiaio di miele
  • 2 chiodi di garofano
  • 1 pezzetto di cannella
Versare l’aceto in un pentolino con il miele e far cuocere a fuoco bassissimo. Aggiungere anche le spezie e lasciar ridurre di oltre la metà: ci vogliono circa 15-20 minuti. Spegnere il fuoco e lasciar raffreddare.(L’effetto glassa si ottiene solo dopo che l’aceto si è raffreddato, quindi non bisogna prolungare troppo la cottura, ne va del sapore).
Filtrare e mettere la riduzione in un biberon da cucina. Conservare in frigorifero.

A questo punto si può incominciare a comporre il piatto.
Riempire con la mousse un sac à poche e farcire i cannoli. Servirli con la purea di fave e pisellini e la riduzione al balsamico.

mousse coratella e purè di fave

Ravioli gluten free alla vaniglia 
ripieni di coratella d'abbacchio alla romana con burro agli agrumi e mandorle
ravioli senza glutine alla vaniglia

Per la pasta (una trentina di ravioli):
  • 200 g farina senza glutine per pane e pasta (io Conad)
  • 2 uova medie
  • 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva
  • 1 bacca vaniglia bourbon
  • acqua fredda qb (io 2-3 cucchiai)
  • 1 pizzico sale
Tagliare a metà la bacca di vaniglia per ricavarne i semi.
In una ciotola lavorare tutti gli ingredienti (compresi i semi della vaniglia), con l'aiuto di una forchetta, fino a formare un impasto lavorabile con le mani. A questo punto lavorarlo sulla spianatoia fino a renderlo bello liscio. Coprirlo con una pellicola e farlo riposare per una mezz'oretta.

Per il ripieno*:
  • 400 g coratella già cotta
  • 4 carciofi (possibilmente quelli romaneschi, le mammole, ma io non l'ho trovati)
  • olio extravergine
  • 1 cipolla fresca di tropea
  • 1 spicchio d'aglio
  • 1 peperoncino
Preparare una ciotola con dell'acqua acidulata con limone. Tagliare il gambo e tenerlo da parte.
Pulire bene i carciofi e privarli delle foglie più esterne e dure. Con un coltello tagliarlo a circa 2/3 dell'altezza. Tagliare le eventuali foglie che sono rimaste attaccate alla base e tagliare il carciofo a metà nel senso della lunghezza. Eliminare a questo punto la peluria interna qualora ci fosse e tagliare il carciofo in fettine e poi ogni fettina a metà (più o meno della stessa dimensione della coratella), mettendo tutto, mano a mano, nella ciotola d'acqua.
"Sbucciare" i gambi eliminando lo strato esterno e coriaceo. Tagliarli a dadini e immergerli anch'essi nell'acqua acidulata.
Far sudare la cipolla in una padella con l'olio, l'aglio e il peperoncino. Aggiungere i carciofi e i gambi ben scolati e portare a cottura. Unire la coratella, mescolare qualche minuto per far insaporire e spegnere il fuoco.
Lasciar intiepidire e poi frullare il tutto "grossolanemente" (il ripieno dei ravioli non mi piace "poltiglioso, ma avere una certa consistenza)

Riprendere l'impasto di pasta fresca e tagliarne un pezzo avendo l'accortezza di coprire il resto per evitare che si secchi. 
Appiattirlo leggermente con le mani (o il mattarello) e on l'aiuto di una macchina stendi pasta, inizialmente a 0 (massimo spessore nella mia) far passare l'impasto due o tre volte (non preoccupatevi se inizialmente si frantuma, insistete!!!). 
Diminuire lo spessore mano a mano cercando di fare una striscia il più sottile possibile e passando l'impasto 2 volte nello stesso spessore. Io sono arrivata al 5.
Mettere una cucchiaiata di impasto a intervalli regolari sulla striscia ben stesa, inumidire con dell'acqua (con il dito o un pennellino) tutt'intorno e ripiegare la pasta su se stessa facendo combaciare i bordi e sigillandoli bene. Con l'attrezzo apposito "tagliare" i ravioli.
Continuare così fino all'esaurimento della pasta.

*il ripieno che avanza (perché avanza!!) è ottimo consumato su dei crostini!!

coratella d'abbacchio alla romana

Per condire:
  • una noce di burro agli agrumi (125 g di burro, 1 limone e 1 arancia)
  • una manciata di mandorle non pelate e tagliate a coltello
Lasciar ammorbidire il burro fuori dal frigo, fino a renderlo facilmente lavorabile e mescolarlo con la scorza grattuggiata degli agrumi (a me piace farlo con il rigalimoni).
Rivestire uno stampo con della carta forno e "spalmarci il burro". In alternativa potete ricoprire un contenitore per il ghiaccio di pellicola e fare tanti piccoli burrini monodose (in questo modo si possono anche conservare nel congelatore se non si utilizzano spesso).
Mettere in frigo a solidificare.

Far cuocere i ravioli in abbondante acqua salata bollente per cinque minuti. Saltarli poi in una padella con una noce di burro agli agrumi e servire con qualche mandorla tagliata a coltello.

ravioli senza glutine

Con questa ricetta partecipo all'MTC di Aprile:





88 Forchette :

  1. Risposte
    1. ...ecco, pensa che OGNI VOLTA che entro nel tuo blog e guardo le foto ho questa tua stessa reazione! :)
      Poi passo alla ricetta e... lasciamo perdere, va! :)

      Elimina
  2. Saparunda/Arianna, mo' me disci come vo' fa' se vinci!
    Una combinazione grandiosa di sapori e di capacità tecniche. Quelle poche gocce di sangue romano che mi scorrono nelle vene, si uniscono alle loro sorelle con natali nel centro Italia, ed insieme ti inneggiano- Il mio è un bacio accademico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il bacio accademico mi mancava! :P Grazie!!

      Elimina
  3. Stupendo, stupendooooooo! per me hai già vinto, quei pici piccanti a mò di cannolo, per una versione del quinto quarto assolutamente originale e invitante.. ma vabbè.. allora diteloooo!! grandissima Arianna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E che te devo da dì??? :)
      Grazie!!!

      Elimina
  4. Sono senza parole..... Guardo, ammiro e taccio ^_^
    Chapeau!!

    RispondiElimina
  5. Aò!!! Grandiosa!! Il cannolo é da ola anzi da podio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto da te... non può che farmi super felice!

      P.S. Però se dovessimo tornare a Genova insieme e per puro caso avessi io la macchina, la faccio guidare a te...io non guido con te affianco!! :P

      Elimina
  6. arianna che meraviglia, se la prossima volta hai difficoltà a finire quello che cucini chiamami pure che io non mi faccio problemi a consumare certe delizie mi accontento anche del ripieno sui crostini ;))) complimenti per me sei 3 stelle !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma vieni subitooo!! E non perché ho difficoltà a finire ciò che cucino... ti voglio conoscere e basta!!! Ti cucinerò tutto ciò che vuoi, inizia a fare una lista! :D

      Elimina
  7. sono senza parole.......il cannolo è da sturbo......Arianna for president

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già mi vedo al fianco di Obama... (no, Renzi non fa per me...)! :P

      Elimina
  8. Bellissimo il cannolo...lo guardavo qualche giorno fa su fb e immaginavo già cosa ci sarebbe finito dentro, ma la realtà supera la fantasia.....grandissima Arianna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazieee! Ma lo sai che pensavo di aver stravolto eccessivamente una ricetta tanto da finire fuori concorso? A volte mi faccio prendere troppo la mano a fantasticare...

      Elimina
  9. Coratella e fave pure io! Ma la tua ricetta è moooolto più bella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Smettila Mariella che ogni volta che passo da te ho la bavetta...

      Elimina
  10. uno spettacolo! come mi piace l'idea del cannolo! strepitose ricette!!!
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazieee!! Anvedi aò, er successo der cannolo! So' felice!! :D

      Elimina
  11. Tu forse non lo parli ma io non lo leggo, 10 minuti per leggere il pezzo in romano e mi son pure persa dei pezzi, si puo?!?! vabbè, magari un giorno ti ripago in veneto :-D. Questa ricetta Mazzetta mi ha stesa, il picio cannolato e piccante mi renderebbe possibile pure 'assaggio della coratella, siamo a giro podio?????? Bravissima davvero, complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Seeee! Se me lo scrivi in veneto misà che incomincerò ad usare google translate!!
      Grazie fratella!!!!

      Elimina
  12. Ahaha, mi hai fatto davvero morire dal ridere, io adoro il romano de Roma!!! Fantastico davvero l'antipasto, presentazione da vera chef!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!! Io lo so parlare poco, il romanesco è molto più complicato di quanto si possa pensare. :)

      Elimina
  13. Arianna, io sono qui in ginocchio davanti al PC: hai fatto due meraviglie veramente incredibili per gusto e originalità.
    Se fossi Cristiana... non dico niente, va! ;-) Però a te faccio il mio personale monumento per l'incredibile bravura e per la cura con cui hai studiato entrambi i piatti.
    Un abbraccio fortissimo e in bocca al lupo! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mapi per favore rialzati!! TU non puoi metterti in ginocchio davanti a me... che si è invertito il mondo??
      Grazie...e non dico "crepi il lupo" perché non voglio vincere, voglio sgobbare ancora un po' come partecipante prima di entrare nel mondo dei giudici! :)

      Elimina
  14. Ho scoperto il tuo blog e ne sono rimasta affascinata: caspita, sei bravissima! E che dire delle foto? Da oggi ti seguo e non ti mollo! Ciao da Franca

    RispondiElimina
  15. Bellissime proposte. Quei cannoli con i pici sono da urlo!!!!!!!
    Sei stata bravissima! In bocca al lupo per la sfida e per il lavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!! E crepi il lupo (per il lavoro, eh!!) :))))
      Un bacione!

      Elimina
  16. Ci sono le "bestie di palco scenivo" ... apunto, bravissimi, ecco frattela, tu lo sei in cucina!! Ma dimmi te come dobbuamo fare? Insegui la vincita in modo stupefacente e questa volta deve essere tua! Come dire che tu si che prendi e meti da parte, soli ub genio come te ha saputo fino adesso usando le sgide precedenti e giocarci in questo modo. Tu sei una grade !!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fretella io un animale da palcoscenico in cucina?? Se ti sentisse il mio "maestro"!!!
      So 'n'animale e basta!!! :P
      Grazie mille!

      P.S. quando un giorno ci conosceremo (perché prima o poi ci riusciremo) vedrai che più che "grande" so piccola... so' alta un metro e una vigorsol messa per orizzontale!!

      Elimina
  17. toh mi hai fatto innamorare... quei cannoli croccanti sono uno spettacolo! e mi incuriosiscono molto anche i ravioli...elaborazione moderna di una preparazione che nella mia mente non riesco a collocare nella tradizione.. ma nella preistoria :) urge mettere alla prova se stessi :) sono sicura che passando di qui ho avuto la giusta ispirazione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io più o meno la colloco nella preistoria, sai?
      Felicissima di averti dato una ispirazione! E grazie di essere passata!

      Elimina
  18. Posso avere tutti e due?
    Mi sono immersa nella lettura del post, quasi come leggendo Camilleri e mi sono completamente persa nelle due ricette.
    Di fronte a ricette così ben pensate, così equilibrate e stuzzicanti, perfino la foto passa in secondo piano ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, ora so' pure paragonata a Camilleri!! Questo mese rispondere ai commenti si sta rivelando più difficile del solito... :)
      Grazie mille, Lore!!!

      Elimina
  19. Le tue due ricette sono bellissime,appaganti pet la vista per il palato e anche per l'anima secondo me!
    Tutti i complimenti che posso farti teli faccio,bravissima!
    Ps. Piacere,f

    RispondiElimina
  20. Io ancora qui a pochi giorni dalla fine a meditare sul passo o non passo perché ahimè a casa mia il quinto quarto non è proprio un ospite gradito... poi mentre leggo questa meraviglia di post (impegnandomici!) passa mio marito (è sua la colpa del fatto che non mi sono mai lasciata andare a cucinare il quinto quarto, sappilo!) si inchioda davanti allo schermo a guardare i tuoi cannoli. E mi dice "li voglio! Me li prepari?!" Ecco, questo hai fatto tu oggi. E se ne fossi capace ci proverei anche, giuro. Ma la classe non è acqua, quindi desisto e vado rintanarmi nel mio solito angolino ;-)
    Ah, ovviamente strepitosi anche i ravioli... ma quei cannoli di pici, mamma mia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo che sei capace anche tu. Guarda che questi cannoli so' tutta scena, ma sono FACILISSIMI!!! Esci subito dal tuo angolino e provaci!! Te lo chiede anche tuo marito... :P
      Grazie mille!

      Elimina
  21. Nun gliela posso fà! Devo da ripassà con calma per ristudiamme tutto passo dopo passo. Ah bella! Tu madre c'ha da esse fiera: la tua testolina va ch'è na meraviglia!
    Basta con con questo romano che non ci si addice, signora Mazzetta: ripasso con calma perché ci tengo a lasciare un commento degno dello sforzo che ha compiuto! :-)

    RispondiElimina
  22. Prima di andare a dormire...Partiamo dalla prima. Credo che parte del gioco sia entrare nella testa di chi ha scelto la ricetta: sembra proprio che tu mi abbia studiando e messo a punto un piatto che potesse piacermi...rientra perfettamente nelle mie corde! Hai scelto ingredienti della nostra regione: la coratella e le fave, hai preso la materia prima ed invece di ispirarti alla tradizione hai tirato fuori qualcosa di moderno. Non solo l'idea, ma anche la tecnica nella realizzazione. Creatività e saper fare...mi hai preso alla lettera. Hai tirato fuori dei cannoli che posso essere utilizzati in altri mille modi, li hai arricchiti con una nota piccante...che si sposa perfettamente con la coratella "addolcita" dalla panna. Sono sincera la panna non la amo in cucina...se si potesse eliminare lo farei con piacere, l'unico modo in cui mi piace è fresca (ma di quella vera di fattoria) da bere, ma tu sei riuscita a smorzarmela con il whisky che non amo da bere, ma che ha una tale presenza da dare un tocco in più ai piatti. Tutto studiato come la crema di fave e piselli, che hai sapientemente passato al setaccio (son peciona: per pigrizia non lo faccio mai...ma senza dubbio l'effetto che si ottiene è altro!). Hai lavorato anche con la riduzione di balsamico...armonia d'intenti, di sapori e di profumi perfettamente riuscita. Se un minimo mi conosci questa proposta batte la seconda, ma questo non vuol dire che sia da meno. Hai lavorato con la sfoglia senza glutine...è concordo con te: ogni volta che mi cimento mi chiedo come facciano le sglutinate! Hai inserito i semi della bacca di vaniglia nella sfoglia e anche qui sembra quasi che tu sia passata per la mia cucina: per me i carciofi si sposano alla perfezione con il profumo di questa bacca, come se riuscisse ad esaltarne il sapore e spesso li cucino insieme. Anche in questo caso mi trasformi un piatto della nostra terra, la coratella coi carciofi, in un qualcosa di nuovo...e la pasta ripiena, come si sa, è sempre vincente. Il tutto me lo condisci con un burro agrumato e delle mandorle: anche qui ritornano profumi che amo. Mi hai conquistata...grazie, ci ritornerò sopra! P.S. Unico neo: nun me fa la finta grassa che sei secca come na cotoletta e anche se magni da qui a Capodanno nun se ne accorge nessuno!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooooo!! Avevo scritto un poema ma quando ho cliccato su pubblica mi si è cancellato tutto... ed ora mi ritrovo a scrivere dal cellulare, quini gli errori e le parole inventate si sprecheranno, ti avviso!
      Ho capito che i nostri gusti sono similissimi. Anche io la panna non la uso, a meno che non devo farci una mousse dolce o salata che sia, e inorridisco quando la vedo come condimento nella pasta come se non ci fosse un domani!
      E so peciona anche io sa!? Ma mica potevo esserlo per l'Mtc... dovevo mantenere un certo contegno!
      Ed i carciofi con la vaniglia sono stati per me un azzardo ma anche una deliziosa scoperta, hai ragione, ne esalta meravigliosamente il sapore, e non solo dei carciofi, ma anche della coratella!! Vaniglia mondo amour!!
      Tornando un attimo al peciona mi è tornata alla mente un immagine di me emio fratello seduti a tavola gridando "fame! fame! fame!" e battendo le posate a ritmo, mentre mamma finiva di cucinare, povera!! Ecco, magari in quel caso meglio essere pecione e lasciare il setaccio nel cassetto!! ;-)

      P.S. Se mangiassi da ora a capodanno altro che balena! Ho una tendinite al piede e non posso nemmeno andare a correre perché ho unatendinite al piede sinistro che non vuole guarire (dettagli che lavoro di sera ed in piedi e che durante il giorno non riesco a stare ferma!!)

      Grazie mille per il commento!! Ma lo sai che ancora stento a credere che siamo vicine di casa?

      Elimina
  23. ...beh, rileggendo l'italiano non è il mio forte:spero sia arrivato il messaggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, rileggendo il mio commento, a parte gli errori e il mon che è diventato mondo, non si è capito che ho una tendinite, vero!?

      Elimina
  24. Io l'ho detto da prima della pubblicazione eh... spero che tu abbia in mente mla ricetta da proporre al MTC di maggio :D
    immensa Mazzetta! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà no... ma non è giunta ancora la mia ora, sono sicura!!! :))
      E vogliamo parlare della tua?? Domani passo... sappilo!!! :D

      Elimina
  25. Ricette spaziali! Non riuscirò mai a rifarle, sicuramente non la prima e mi rimarrà la nostalgia di non averla assaggiata... Brava!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come no!! Ma sono facilissimiiii, provaci!!!

      Elimina
  26. Mamma mia Arianna... Una meraviglia di sapori e di colori!! Bravissima!! Mi sa proprio che ti tocca il mese prossimo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nuooo! Please! Non ti ci mettere anche tu... :)

      Elimina
  27. ma complimenti!!! e non immagino se fossi riuscita a fare tutto il menù cosa sarebbe venuto fuori.. mi incuriosisce molto il dolce perché non riesco ad immaginarmi niente, mi lascerai senza parole!!! bellissime proposte sopratutto l'antipasto mi ha colpito, davvero brava!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!
      Eh, il dolce prima o poi lo farò... spero di riuscire a trovare il tempo di farlo, fotografarlo e mangiarlo... :)

      Elimina
  28. Simpatico l'uso del dialetto.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Kylie, so che sei vegetariana... ma sei passata ugualmente! Sei unica!!!

      Elimina
  29. Caspita!! Son qui basita davanti allo schermo e mi sto chiedendo ma perché non ci ho pensato io?!!! Mi sono risposta: puoi pensarci finché vuoi tanto non poi non ci riesci!! Non così bene almeno! Quei ravioli mi hanno steso. Ora la pianto di dire cose scontate ( ma vere) e mi ritiro nella mia cucina in ginocchio sui ceci. Ah non mi sono nemmeno presentata. Sono Manuela, indegnamente compagna di MTC. Ciao :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì che ci riesci, e soprattutto sì che ci riesci così bene! Spazza via quei ceci da sotto le ginocchia e provaci, sono entrambi dei piatti facilissimi!
      Un bacione!!! :*

      Elimina
  30. Bellissimi piatti, complimenti!
    Divertenti, freschi, inaspettati!


    :*

    RispondiElimina
  31. E' da quando ho visto queste ricette che mi sto chiedendo se sei tu che mi hai lasciato senza parole- o sono io che preferisco tacere. Resta il risultato- e cioè che è meglio che non mi esprima.
    Non pubblicamente.
    Non liberamente.
    Non a metà gara.
    questo, soprattutto ;-)
    mammamia-arianna-MAMMAMIA...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed io non so nemmeno cosa risponderti. Non pensavo che dei piatti che per me sono quasi al limite del banale (ma veramente!) potessero piacere così tanto. In fondo sono dei cannoli con dei pici arrotolati, fanno scena... ma sono semplicissimi anche da realizzare.
      Mi hai fatto diventare rossa, ma proprio tanto sai? Certo, arrossisco anche quando mi si guarda fisso negli occhi... :P Ma ricevere complimenti (e da te!!) è tutt'altra cosa!
      Grazie!!

      Elimina
  32. Wow! Che ricette! quei cannoli sono da urlo! complimentissimi

    Buona domenica
    AngelaS

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Angela!!!!
      Buona domenica anche a te! :)

      Elimina
  33. o madonna arianna, ma quel cannolo... quel cannolo... quel cannolo...
    o madonna arianna!
    ecco, non riesco a dire altro!!!

    e grazie per i ravioli senza glutine, noi sglutinate ringraziamo sentitamente
    però...
    ...
    ...
    ...
    ...
    o madonna arianna, ma quel cannolo... quel cannolo... quel cannolo...
    o madonna arianna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahhahahahahha! Grazie lo dico io a voi sglutinate! Siete assolutamente da ammirare, lo dico sempre!!
      ;)

      Elimina
  34. Acciderboli ma cos'è questa meraviglia??? Io che con le frattaglie c'ho litigato due settimane prima di decidermi e poi passo di qua e scopro addirittura due piatti, così diversi eppure fantastici?? No, non vale, davvero.
    Abbinamenti equilibrati,studiati e anche un poco complicati (evviva la rima!) per due piatti intriganti, soprattutto quel cannolo di pici piccantoso...brava, bravissima, e divertente con quell'introduzione in romanesco bellissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Monica!
      Guarda, forse sarò io che mi spiego male (ho sempre avuto questo problema, per questo non potrei mai fare la professoressa... 2+2 fa 4 perché è così, punto... bella maestra sarei! :P ), o forse le ricette che sono un po' lunghette, ma fidati, sono semplicissime entrambe!
      Un bacio!

      Elimina
  35. Post da morir dal ridere e ricetta stellare! A me invece la coratella piace davvero molto! Davvero super!

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazieeee!!! Io la coratella sono passata dall'odiarla ad amarla... certo, non è un amore spassionato, però 'a magno appeno posso!!! :D :D :D

      Elimina
  36. A romana de Roma, ammazza che robbba (mi approprio 5 secondi del romano entrando nei panni del nonno romano acquisito)!
    La pasta sglutinata vaniglia, coratella, burro, agrumi e mandorle già è da O___o (non ci sono parole), ma quei cannoli, di pici, piccanti, con la mousse, di coratella, e il purè, di fave, e pisellini.. ho dovuto scrivere interrompendo a virgole perché tutto di un fiato l'entusiasmo non mi ci stava! Ecco, io quelli proprio li bramo, mi hai fatto sba-va-re! Applausi.. anzi, standing ovation!
    E sono d'accordo con tante voci lette più su.. qui c'è profumo di vittoria.. e sarebbe meritatissima!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O_____O
      Sei tu che mi lasci così... grazie, addirittura una standing ovation!! :)

      Elimina
  37. Arianna la prima parola da scriverti sarebbe stata sono senza parole ! invece, invece voglio dirti che ....
    SE non vinci io faccio ricorso!!!!
    ihihihi ne ho viste di ricette sempre tutte bellissime qui all'mtc
    ma questi cannoli più dei ravioli senza glutine e so la difficolta' ! fanno impazzire
    complimneti davvero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahaha! Grazie mille Vero!!!

      Elimina
  38. Che meraviglia Arianna! e lasciami dire, non potevi trovare motivo migliore per ritardare 'sta beata dieta!!!! Bellissime realizzazioni e foto perfettamente in linea :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per le foto sorvoliamo...che nun so' popo bona!!! :D
      Grazie Dani, grazie veramente!!!!

      Elimina
  39. Ecco, vedi, se avessi perso un post come questo, altro che mani mi sarei mangiata!
    E te, pure in romano, traduci, altro che inglese!!
    ;-)
    brava brava brava. questi cannoli colpiscono nemmanco fossero cannoni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaahhaah! Facciamo che io mi mangio la tua terrina...e tu i miei cannoli, così siamo pari!!! :)

      Elimina
  40. Arianna, amando la pasta fresca più di qualsiasi altro cibo, non posso che ammirare questa idea stupenda che hai avuto con i pici!!!Finora ho fritto solo pasta ripiena, ma adesso inizierò a farlo anche con i pici... :))) Bravissima!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazieee... sono rossa ora! Ricevere un complimento da "una" come te... oh mamma!!!! :O

      Elimina
  41. Sei stata mi-ti-ca volevo dirtelo anche se all'ultimo ma non potevo non farti i mie complimenti per queste due meraviglie una più belle dell'altra .....e ci credo che ti ci è voluto un sacco a scrivere il post! Detto tra me e te incrocio le dita per te staseraaaaaa
    A presto Ila

    RispondiElimina
  42. ne ho viste tante. Ne ho viste di belle, Ne ho viste di strane.....ma te sei "fuoooooriiiiii".....a parte ridere leggendo il posto...ma che razza di ricetta hai ideato???!!!! I pici li adoro, ma proprio fritti non li avevo considerati!!!! Sei una meraviglia! Fantastica ricetta e foto e tutto....grandiosissssima!!!! E ti rubo l idea dei pici fritti...ovviamente citandoti!!! un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha!
      Io ti adoro!!! Ruba, ruba pure...non puoi che farmi felice!!
      Un abbraccione stritolante!

      Elimina
  43. ma questa è un super piatto!!!
    veramente complimenti!
    e poi presentato benissimo!!
    brava!
    elisa

    RispondiElimina
  44. Un acquisto fatto bene ti premia nel tempo. Prova biberon alla scoperta degli animali. Vai su http://www.vitalbios.com/A/MTQ2OTg3MTc5NiwwMTAwMDA0MixiaWJlcm9uLWFsbGEtc2NvcGVydGEtZGVnbGktYW5pbWFsaS5odG1sLDIwMTYwODI3LG9r

    RispondiElimina

Stampa Ricetta

 

Informativa cookie

Ho partecipato a LSDM

Ho partecipato a LSDM
2016